Il piacere di allestire, pianificare e…ricevere nelle feste

Il Natale ormai e’ alle porte e come ogni anno ho la sensazione sia l’unica festa che sembra fermare il tempo. Atmosfera, colori, profumi, rievocano, in questo breve periodo, i ricordi dell’infanzia, in cui tutto assumeva un contorno magico ed unico. Di solito si inizia l’8 Dicembre, come da tradizione, a riprendere dalla cantina gli scatoloni contenenti decorazioni ed addobbi per creare un ambiente che sappia di festa. Ma per quanto ogni anno mi armi di buoni propositi, non riesco quasi mai a rispettare questa tempistica. L’importante pero’ perche’ tutto riesca nei minimi dettagli, e’ iniziare a pianificare. Per non dimenticare nulla, ho l’abitudine di tenere un piccolo “diario delle feste”, o meglio un pomemoria necessario per annotare via via, tutto quello che occorre fare, per avere sotto controllo tutto anche all’ultimo minuto. In cima alla mia lista, gli addobbi, che non devono essere mai eccessivi, ma consoni allo stile ed ai colori dell’arredo. I negozi sono ogni anno pieni di mille novita’, ma perche’ privarsi della soddisfazione di sfoggiare il proprio talento per il fai da te? Quindi inizio sempre dalle ghirlande furiporta in polistirolo decorate che danno subito il tocco festoso.

picsart_12-08-04-11-54-1

Poi passo all’allestimento del tradizionale presepe che, a casa mia, e’ in doppia versione, napoletana (realizzata a mano da mia madre) e casalinga, in sughero.

picsart_12-20-11-10-04

Poi l’albero, rigorosamente ecologico, lo arricchisco ogni anno con qualcosa di nuovo. Stavolta ho aggiunto alle altre decorazioni collezionate nel tempo, dei fiocchi di neve in feltro fatti con l’aiuto della mia nuovissima Bigshoot. L’effetto e’ carino, ho impiegato pochissimo tempo, con una sola fustella. Ve lo consiglio, provate.

20161220_223138

Immancabile la lista dei pensierini per famiglia, possibilmente utili ed originali, evitando quei regali anonimi e scontati di solito acquistati a poche ore dalla chiusura dei negozi, il giorno della Vigilia! Per le amiche piu’ strette mi piace preparare soprattutto regali golosi e quindi ricercare l’idea giusta in tempo. Quest’anno ho pensato di proporre dei tartufini al cioccolato fondente al profumo d’arancia. La ricetta l’ho sperimentata da uno dei miei siti di cucina preferiti quindi vi segnalo il link: http://ricette.giallozafferano.it/Tartufi

20161219_234925.jpg

Magari siete ancora in tempo per prendere spunto e realizzarli in brevissimo tempo, soprattutto se avete a portata di mano un robot da cucina che vi aiuti. La confezione, compresa di pirottini, puo’ essere o un barattolo in vetro di quelli ermetici, decorato secondo il vostro gusto, oppure in una scatola di cartone a forma di casetta come quelle che ho scelto. Piccoli accorgimenti per un’idea raffinata e del tutto home made.

PicsArt_12-20-11.06.56.jpgLa preparazione delle portate del menù  costituisce un rituale a cui non si rinuncia. Nei tre giorni di festa riproponiamo i piatti che rispecchiano rigorosamente la tradizione napoletana. Tranne piccole varianti apportate per gli antipasti, a tavola non mancano piatti a base di pesce per la Vigilia e a base di brodo, minestra e carne per il Natale. Dolci (roccoco’, struffoli, susamielli, raffioli, cassata) e frutta secca (le famose “ciociole” ovvero, noci, nocciole, mandorle, pistacchi) il momento piu’ buono, a mio avviso, di queste ricorrenze. La tavola, dunque, diventa protagonista. Scelgo sempre una tovaglia semplice, ma elegante, nei toni del rosso per il 24 e del blu per il 25 da abbinare con il mio servizio delle “occasioni”. I sottopiatti, che restano fissi per tutto il pranzo, non mancano mai, insieme alle posate ben allineate, come richiede il bon ton ed ai bicchieri, nelle due dimensioni, accompagnati dai calici per il brindisi.

PicsArt_12-20-10.59.06.jpg

Il centrotavola lo preferisco basso e poco ingombrante realizzato con rami di pino, candele, aghifogli e pigne.

20141225_142348

Per i segnaposto vi bastera’ ritagliare dei cartoncini colorati, magari usando delle forbici zig zag, su cui scrivere i nomi di ogni commensale usando una penna glitter. Potrete incollarli su delle mini mollette in legno, e il gioco e’ fatto! Semplici e graziosi, vi aiuteranno a far si che sulla tavola regni una perfetta armonia.

Ancora qualche piccolo dettaglio da definire in questi giorni, dunque, e si va in scena! Pronti per godere di un sentimento di benessere,  di calore familiare, di generosita’ diffuso, da condividere con tutti coloro che amiamo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...