Un sabato speciale in fiera

Si è concluso ieri il Creattiva, l’evento fieristico nazionale di tre giorni, tenutosi presso la mostra D’Oltremare di Napoli. Puntuale come ogni anno, è l’occasione per tutti gli amanti dell’handmade per curiosare tra i tantissimi stand, prendere contatti con le aziende produttrici ed ispirarsi. I vari corsi relativi alle varie tecniche sono i veri punti di forza e vale la pena concedersi qualche ora di relax per imparare sempre cose nuove.

Per me il Creattiva non è solo una semplice fiera, ma un luogo magico dove poter trovare tutto ciò che serve per soddisfare la propria passione creativa: dai tessuti ai componenti per bigiotteria, dal feltro colorato ai filati, dalla carta al painting, dalle riviste dedicate al fai date ai libri tematici del settore (che ormai colleziono da anni).

Questa volta ho avuto il piacere di fare un corso di Paper piecing con Emanuela Tonioni, tutor di cucito creativo del programma Detto Fatto su Rai due.

IMG_20171113_203634.png

Attraverso il gruppo Facebook “ZakkaBar”, di cui è amministratrice, abbiamo un filo diretto. Qui ci scambiamo le nostre  esperienze con la macchina da cucire da lei firmata (la mitica Zakka N510) e, attraverso questo canale nel web, ho potuto prenotare il corso almeno due mesi prima. Ricevere i consigli e carpire i segreti per la realizzazione di un lavoro finale impeccabile direttamente da una professionista, è stato fantastico!

Avete mai sentito parlare del paper piecing? E’ un’originale tecnica del patchwork, che consente di lavorare con blocchi molto piccoli, per poter creare dei dettagli colorati e figure geometriche particolari con l’ausilio della carta. Quest’ultima poi viene rimossa solo a lavoro finito.

PicsArt_11-13-08.34.48.jpg

Vi consiglio di provarla, specie se come me, avete tanti scampoli di stoffa colorata da riciclare e volete ricreare degli effetti ed abbinamenti di colori molto personalizzati.

Il progetto finale è stata questa pallina in stoffa con al centro un alberello, visualizzabile solo a lavoro finito, impiegando delle semplici figure geometriche:

IMG_20171113_203725.jpg

Anche quest’anno non ho saputo resistere ed ho portato a casa un cospicuo “bottino” di accessori e materiali. La mania di acquistare a prezzi scontatissimi è una cosa difficile da controllare, specie se non si arriva in fiera con idee chiare su quale siano i progetti da voler realizzare. Ora non resta che  mettermi all’opera nel tempo libero. Non vedo l’ora.

A prestissimo 🙂

Annunci

Creatività ed estro…anche in un’esposizione felina!

Si è conclusa lo scorso weekend la sesta edizione dell’ Esposizione internazionale felina di Bari presso il Palaghiaccio. L’evento patrocinato dall’ ANFI (Associazione Nazionale Felini Italiani) è stata un’occasione speciale per tutti gli amanti dei felini come me.

FB_IMG_1508185841975

Una kermesse che ha visto riuniti allevatori, proprietari e gattofili che hanno potuto  ammirare gli esemplari più belli del mondo di tutte le razze riconosciute dalla FIFe (Federazione Internazionale Felini europei) con la possibilità di fare shopping a tema nei numerosi stand di accessori dedicati a questi splendidi animali e conoscere più da vicino le migliori marche del pet food.

All’interno dell’evento, protagonista è stata la giuria internazionale che ha decretato i gatti più belli della manifestazione, dopo un attento lavoro di selezione. In gara anche la categoria “gatti di casa” senza pedegree, ugualmente belli ed adorabli compagni di vita.

PicsArt_10-16-10.27.00

E’ stata un’esperienza bellissima e un sogno nel cassetto che si è realizzato soprattutto perché, a partecipare alla competizione, per la prima volta, c’era la nostra dolcissima Cooda Barracuda, uno splendido esemplare femmina di Norvegese delle Foreste, di appena sette mesi e mezzo, entrata con il suo amore e la sua esuberanza nelle nostre vite il 17 giugno 2017.

Grazie alla proprietaria dell’allevamento Once Upon a Paw’s da cui la nostra gattina proviene, abbiamo partecipato a tutte le fasi preliminari che permettono di accedere alla competizione (visita veterinaria, conferma colore, tolettatura, valutazione dei giudici, punteggio). Felicissimi poi di aver riscosso una nomination ed un terzo posto tra i migliori felini della categoria cuccioli (7-10 mesi).

IMG-20171015-WA0030

Curiosando all’interno della fiera ho scoperto che anche in un ambiente legato alla competizione dei felini, la creatività ha fatto la differenza. Tantissimi allevatori hanno dato spazio al loro estro per rendere le gabbie in cui erano contenuti i vari esemplari, dei piccoli capolavori. Cuscini, cucce, amache e tendine, gli arredi più accattivanti realizzati a mano e cuciti su misura.

Osservare nel dettaglio la varietà di tutti questi manufatti è stata per me una nuova fonte di ispirazione. Prevedo, appena mi sarà possibile, di realizzare con la stoffa tanti progetti “gattosi” e magari dedicarmi ad un allestimento completo per la mia piccolina in occasione di una prossima competizione. Non vedo l’ora 😍

Un cadeau facile e veloce last minute

Archiviato il “file” delle vacanze estive e superata la “sindrome da rientro” ecco che settembre è arrivato in un batter d’occhio. Tanta voglia di ripartire con il piede giusto e soprattutto riprendere gli hobby preferiti per ritrovare il piacere di rilassarsi tra un impegno di lavoro e l’altro. L’ispirazione per ricominciare a creare è arrivata dall’ organizzazione dei festeggiamenti per una tappa importante degli “anta” di mia madre.

Decisa insieme la location, mancava solo un po’ di shopping per provvedere ai regali. Intanto già immaginavo il banchetto pronto per essere preso d’assalto e il momento clou della festa con una deliziosa torta. Ma avevamo pensato proprio a tutto? Mancava secondo me qualcosa di semplice, ma allo stesso tempo di originale, per ringraziare i parenti e gli amici di sempre che sarebbero intervenuti per rendere speciale questo giorno.

Ma poiché era necessario realizzare qualcosa a stretto giro, la mia fantastica bigshoot è stata la protagonista. Un paio di fogli di feltro colorati, qualche fustella, del nastrino colorato, un buon profumo, una scatola colorata e l’immancabile colla a caldo ed eccomi all’opera!

In tre quattro giorni ho sfornato una ventina di rose rosse da utilizzare  come profumacassetti.

SCatola e rose.jpg

Come fragranza da applicare tra ogni petalo con  un contagocce, ho scelto un olio profumato  da 12 ml acquistato in erboristeria, fresco, delicato e persistente allo stesso tempo.

Per decorare la scatola ho seguito questo tutorial di roselline usando del nastro da 4cm in organza.

Scatola.jpg

Come tocco finale ho creato delle tag bicolor con una scritta realizzata a mano (seguendo la tendenza del Lettering) a cui ho applicato delle piccole coccinelle in legno.

Rosa e tag.jpg

 Distribuito al momento dei saluti, il petit cadeau è stato molto gradito  da tutte le signore. La festa è riuscita benissimo. Il meraviglioso panorama di Napoli poi, con le sue luci sfavillanti, ha reso la serata davvero unica.

Ora non resta che mettersi al lavoro (e sarei anche in ritardo) per iniziare un po’ di progetti per il Natale dedicandomi, nel tempo libero, a tutte le infinite idee creative che solo questo periodo dell’anno riesce ad ispirare.

A prestissimo 😉

 

 

La creatività non può andare in vacanza!

Riposo e relax all’aria aperta tra montagna e mare é stata la formula giusta per ricaricarmi, ma la fantasia e la creatività non sono di certo andate in vacanza, anzi, è proprio in questi momenti, secondo me, che con la mente libera dal tran tran quotidiano, nascono le mie ispirazioni migliori.

La mia adorata macchina da cucire Necchi  Zakka, insieme ai libri e alle riviste dedicate al fai da te, sono rimaste tutte al loro posto nella mia craft room, così come perline, telaio, pittura e pennelli,  poco pratici da portare.  E allora cosa mettere in valigia per soddisfare l’irrefrenabile voglia di creare? Tantissimi i kit in commercio contenenti tutto l’occorrente per piccoli lavori fatti a mano, ma stavolta ho deciso di cambiare strategia e lasciare che un quaderno con delle pagine bianche mi facesse “da compagno” insieme a pastelli, pennarelli e penne colorate, per provare a costruire una bozza del mio primo bullet journal.

maxresdefault.jpg

Per chi non conosce cosa sia, si tratta in realtà di un metodo che, utilizzando fantasia, organizzazione e colori, consente di personalizzare, attraverso disegni e testi, una pagina bianca che potrebbe poi trasformarsi in una vera e propria forma di espressione artistica. Si ispira al ben noto diario segreto. Chi di noi non ne ha mai avuto uno?  Nonostante la preponderanza dei socials, sembra essere una consuetudine non andata del tutto perduta per fortuna! Anzi tante ragazze continuano a tenere un diario (come ai tempi della mia adolescenza) per riporre al sicuro le foto dei propri beniamini (cantanti, calciatori o divi del cinema) accanto a sensazioni ed emozioni dell’adolescenza. Io ancora oggi ne conservo alcuni e sfogliandoli, di tanto in tanto, mi concedo un tuffo nel passato.

Oggi, il classico diario, si è in qualche modo evoluto lasciando spazio, tra le sue pagine, ad una codifica del tempo, trasformandosi in un’agenda creata da zero, in cui tenere sotto controllo appuntamenti, pensieri, lavoro, obiettivi, attività quotidiane. Per qualcuno diventa un vero e proprio esercizio di scrittura e di colorazione. Il bullet journal sta spopolando, infatti, insieme al cosiddetto adult colouring (un modo per ritrovare la propria fantasia e creatività, allentando lo stress e lasciandosi guidare dalle sensazioni del momento attraverso i colori, senza dover possedere alcuna dote artistica) e all’ hand lettering (lo studio e la riproduzione di nuovi caratteri, lettere, numeri, punteggiatura, con una particolare forma).

Ho quindi pensato di iniziare a documentarmi e capire come procedere per creare il mio “manuale quotidiano” ideale. Primo step, munirsi di un semplice quaderno economico e funzionale con la copertina o una più professionale e costosa agenda vuota con fogli a righi, quadretti o puntini (tipo Moleskine,  Leuchtturm ) in vari formati.

IMG_2920.png

moleskine-classic-large-squared-notebook-5-x-8.25-mbl15-1.jpg

Importante la scelta dei pastelli (per chi se la sente ed ha tempo di disegnare), pennarelli, brush pens (penne con punta speciale per chi vuole cimentarsi anche nell’ hand lettering) e soprattutto di penne colorate per stabilire un colour coding (una simbologia per tutte le attività che desideriamo riportare). Tante le marche in commercio che ne propongono di bellissime e dal tratto più o meno fine (Stabilo, Staedler, Faber Castel). C’è davvero l’imbarazzo della scelta! Io per ora ho preso questi strumenti base Stabilo ed altri economici per provare :

PicsArt_08-22-02.35.47

Nella fase iniziale della progettazione c’è tutto un lavoro di codifica standard fatto di simboli (in gergo di Keys), di messa a punto dell’index (cioè un indice in cui riportare in maniera dettagliata  il numero e la corrispondenza delle varie pagine che si andranno a riempire), di scelta di un elemento grafico da riportare per i vari mesi (tutto questo lo sto ancora studiando). Comodo stabilire un daily log, un montly log o un  future log (ossia la vista generale giornaliera su giorno, mese ed anno, in cui indicare impegni, cose da fare già definiti) e delle collection (ossia delle liste di vario tipo) in cui appuntare delle note.

PicsArt_08-22-01.30.49.jpg

Quindi, facendo capo alla nostra organizzazione mentale (scadenze, appuntamenti, appunti, finanze ecc), si può trasformare, per chi ha tanto estro e tempo, ogni azione in tanti piccoli disegni o  provare a ricreare una illustrazione dell’intera giornata. Il bello è che ogni mese si può cambiare impostazione, adattarlo come più ci piace in base alle  esigenze del momento, affinché tutto si trovi poi magicamente a posto. Insomma, a parte gli steps di base, niente regole, ma solo la nostra personale originalità.

Ho iniziato a sperimentare creando un mandala sulla prima pagina.

PicsArt_08-22-02.44.33.jpg

Poi mi sono lanciata nella progetta del mese di Agosto 2017 (tanto per essere in tema) giusto per prendere dimestichezza e per fare le prime prove.

Poi acquisterò  un’agenda puntinata e di buona qualità per iniziare con Settembre 2017 e man mano stabilirò meglio i contenuti, seguendo anche i suggerimenti dei tanti youtuber che ci accompagnano con il “plan with me” (pianificazione mensile).

I miei preferiti:

Non mi resta che usare questa mia personalissima “tavolozza” per dare libero sfogo alla fantasia,  mantenendo così un filo diretto con la creatività. Vi terro’ aggiornati su quanto riusciro’ a creare. Buone proseguimento di vacanze a tutti o buon rientro per chi e’ gia’ a lavoro! A presto 😉

Relax in montagna, tra arte e cultura.

Puntuale come ogni anno, ho partecipato con tutta la mia famiglia al vernissage di fine Luglio che si tiene a Rivisondoli, un paesino di 688 abitanti della provincia dell’Aquila, noto per la pratica degli sport invernali. Qui abbiamo un piccolo pied a terre per le vacanze ed è ormai una consuetudine per noi partecipare all’inaugurazione dell’esposizione di opere di artisti contemporanei. È un evento, patrocinato dal Comune, che fa parte del ciclo: “Un maestro dell’arte contemporanea a Rivisondoli per il Presepe vivente”.

La mostra si ripete due volte l’anno (in estate e in inverno) ormai dal 1994. Deus ex machina, è il nostro carissimo amico Giulio, appassionato da sempre del bello ed estimatore d’arte al punto che, grazie ad importanti sinergie, ha saputo ideare ed allestire con grande professionalità queste giornate di presentazione di maestri dell’arte contemporanea.  Tanti i nomi importanti che si sono succeduti negli ultimi vent’anni: Piacesi, Norberto, Donzelli, Alinari, Faccincani. Questa volta il protagonista è il maestro bresciano Luca Dall’Olio. Le sue opere olio su tela, ricche di colori brillanti, rappresentano, come da lui stesso affermato, la gioia di vivere e la voglia di sognare.

Diversi i temi ricorrenti. Paesi incantati, personaggi che raccontano una favola, paesaggi fatti di borghi e fortezze, una vegetazione tipica dalle sfumature mediterranee, cieli stellati con riflessi vibranti. Colonne e templi greci, memoria della storia in cui affondano le nostre radici. Il Faro che segna la via ai marinai, metafora di una ricerca interiore di un approdo sicuro.

L’opera donata, come da tradizione, dal maestro è la prossima protagonista del manifesto dell’edizione 2018 del presepe vivente. Per la prima volta dal 1951, l’autore interpreta il tema della natività con un richiamo al luogo.

L’opera dai tratti bizzantineggianti che inaugura la fase del monocromatismo, vede protagonista la chiesa di San Nicola nel cuore del paese.

Ogni artista dona al museo cittadino una sua opera, frutto della propria personale interpretazione del Presepe e dei valori che esso rappresenta per credenti e non.

Quest’anno sono in esposizione anche degli originali presepi in terracotta incastonati su legno o pietra, frutto dell’abilità di Daniele Rossi.

Se non siete mai stati in Abruzzo ed a Rivisondoli, vi consiglio di scegliere questa regione come meta delle vostre vacanze o anche di un semplice week-end. Potrete godere delle bellezze dei luoghi, gustare un’ottima cucina, passeggiare e rilassarvi in questo splendido angolo di montagna. Potrete visitare il Museo del Presepe, ricco di opere d’arte di talenti noti ed affermati, ma anche di giovani autori;  da non perdere anche il centro aggregativo artistico della cittadina: il Museo Civico, inaugurato nel 2011 con la mostra Teofilo Patini, destinato a raccogliere un buon numero di quadri con tema del Presepe, donate dai tanti artisti che si susseguono di anno in anno. Sarà di certo un’estate 2017 che non dimenticherete!

😉 Buone vacanze a tutti

 

Una bag tira l’altra

Ciao a tutti!

Da sempre cerco di mantenere viva la mia curiosità di sapere come sono fatti gli oggetti e questo mi ha portata, nel tempo, a smontare e rimontare bijoux o scucire vecchi capi di abbigliamento; un’operazione minuziosa, ma utile per procedere poi con un restyling.  Sono diventata anche una maniaca del riciclo: bottoni, piccoli dettagli di una t-shirt ormai malandata, avanzi di bomboniere (nastrini, fiorellini ecc.), non mi sfugge nulla, perché tutto può essere riutilizzato con fantasia. Lanciarmi in nuovi progetti creativi poi, è oggi il mio pane quotidiano e lo trovo sempre entusiasmante.

Quest’anno, in particolare, ho cercato di spingermi oltre, iniziando a realizzare uno degli accessori più amati da noi donne: la borsa (non ne abbiamo mai abbastanza!). Quando ero alle prime armi con ago e filo, ho confezionato dei semplicissimi modelli in neoprene. Qui  potete trovare il post dove racconto il percorso del mio primo esperimento:

PicsArt_07-20-04.48.51.jpg
Basic bag in neoprene

Ora che ho molta più dimestichezza con il cucito (io e la mia adorata Necchi Zakka N510 siamo inseparabili!), grazie anche a progetti  creati per la mia casa, su commissione o per le amiche, mi sono dedicata ad un’attenta ricerca di libri di cucito creativo sul tema borse. E’ stato fondamentale studiare i diversi modelli e  imparare, con tanta pratica, più dettagli tecnici possibili. Per perfezionare poi l’uso di supporti termoadesivi, cucitura di cerniera e altri piccoli dettagli, ho frequentato, quest’inverno, dei corsi presso uno degli shop specializzati della mia zona, completando una comodissima streetbag in ecopelle e tessuto con zip.

PicsArt_07-20-05.05.34
Bag in ecopelle e tessuto con zip

Prima di passare alla fase di confezionamento, ho scelto tra tantissime fantasie e nouance di stoffe meravigliose, abbinando i materiali della Prymm in coordinato (manico regolabile e zip rosa). Per i colori mi sono ispirata alla primavera/estate 2017. È stato divertente, utilissimo e poi ho condiviso questa esperienza con altre creative.

PicsArt_07-20-05.04.10
Corso bag in ecopelle e tessuto con zip presso Cucishop

Da quel momento in poi, mi sono lanciata fiduciosa nella messa a punto di nuovi modelli. È diventa una vera e propria sfida con me stessa per testare la manualità ormai acquisita. Ho puntato subito alla ricercatezza del tessuto in cotone stampato e ai dettagli (cerniera, manico, imbottitura morbida, etichettatura, charms fustellata in panno lenci), senza trascurare la praticità. Per il cartamodello ho preso spunto da uno dei miei libri di cucito preferiti: “Crea le tue Borse” di Jenny McCabe.

Subito dopo, su commissione, mi è stato richiesto lo stesso modello di borsone week-end con una pochette abbinata. La stoffa questa volta è frutto del gusto del committente ed è più classica e molto consistente. Ho utilizzato una fliselina più rigida e per le cuciture l’ago da jeans. Come dettaglio per la chiusura, ho fustellato una farfalla multistrato in feltro e pannolenci.

FB_IMG_1500564290823
Borsone week-end squadrato e pochette in coordinato

Oggi mi ritengo felice e soddisfatta di un lavoro fatto con amore e tanta passione e non riesco ad acquistare una borsa nuova sapendo che ne potrei realizzare una unica e personalizzata! Quindi di sicuro, ancora una volta, una bag tirerà l’altra!

A prestissimo! 🙂

 

 

 

 

Chalk Paint “mania”

Il caldo quest’anno non si è fatto attendere. L’afa di questi giorni invoglia a stare all’aria aperta, e così, approfittando delle ore più fresche e del tempo libero a disposizione (ho messo da parte solo per poco la mia adorata macchina da cucire!), mi sono dedicata ad una delle mie prime passioni, la pittura. Non che io sia  una professionista in materia, piuttosto mi definirei un’appassionata del decoro e dell’arte di trasformare e riciclare utilizzando colori e pennelli.

Ho scoperto la Chalk Paint da quando ho iniziato ad acquistare in edicola le uscite di Crea e Decora della De Agostini. I progetti suggeriti passo a passo sono interessanti. La vernice a base d’acqua protagonista dell’intero piano dell’opera è materica, densa, gessosa, coprente, atossica e si adatta sia per interni che per esterni; inoltre, si presta a trasformare tantissimi materiali senza la necessità di un aggrappante, senza richiedere la preparazione della superficie su cui lavorare.

area-offerta-2

La sua capacità di trasformare e recuperare, in pochi colpi di pennello, mobili e oggetti di uso quotidiano anche un po’ malconci, è incredibile. La tecnica Chalk sta ottenendo un grande successo negli ultimi tempi, specie da quando l’handmade e l’home decor sono di nuovo in auge. E pensare che questa pittura è stata  ideata tre decenni fa da Annie Sloan, una delle più conosciute decoratrici ed influencer nel campo dell’interior design nel mondo.

I suoi lavori di restiling hanno ottenuto un tale successo nel tempo, da trasformare questo suo vero e proprio “esperimento creativo” in un marchio registrato e commercializzato nel mondo. Plastica, legno, vetro, metallo, vimini, tappeti in cocco, stoffa, nulla sfugge a questa pittura, la fantasia e l’estro fanno il resto.  Riguardo allo stile, si può dire che la tecnica interpreti alla perfezione lo shabby chic e il country style. I colori sono, in genere, quelli tipici delle tinte pastello.

Navigando nel web, si trovano addirittura ricette self-made per poterla fare in casa con acrilico, gesso di Bologna e acqua, secondo specifiche proporzioni.

Il mio primo esperimento è stato il decoro su legno e vetro per creare un set da bagno. Ho seguito il tutorial dell’uscita n. 7 di Crea e Decora e ho scelto il colore verde meta. Il risultato è stato immediato.

Ho acquistato il vasetto in legno in un negozio dedicato all’hobbistica e sono bastate due passate per trasformarlo in un porta sali da bagno, con tanto di decorazione con cartoncino e pout pourri . Il barattolo in vetro l’ho acquistato, invece, in un negozio di articoli per la casa e trasformato in un portaspazzolini. In questo caso sono state necessarie tre passate di pittura e l’uso di una spugnetta abrasiva.

Per dare una finitura che protegga la porosità tipica conferita agli elementi decorativi e per evitare macchie di umido, ho utilizzato una cera opaca all’acqua. Che ne dite del risultato?

Vi lascio un paio di link di blog che ho consultato dove potrete prendere idee e provare a cimentarvi rinnovando, magari, qualche oggetto o mobile della vostra casa in pochi semplici mosse.

Io sono pronta per sperimentare tanto altro…perciò stay toned 😉

Scampoli di tessuto free style

Ciao a tutti 🙂 Eccomi finalmente tornata di nuovo all’opera.

Nell’ultimo mese mi sono lanciata in una “nuova avventura” lavorativa che mi ha arricchita sia dal punto di vista professionale che umano. Quindi ho potuto dedicare meno tempo alla sfera creativa, ma non ho fatto altro che appuntare, nel poco tempo, libero nuove idee. Nei week end a disposizione sono riuscita anche a completare un progetto in standby.

Infatti avevo deciso qualche mese fa che era ora di mettere mano agli scampoli di tessuto da tappezzeria, perché la regola principale di ogni creativo che si rispetti è, innanzitutto, ricercare, riciclare e non buttare via nulla, soprattutto gli avanzi di stoffa. Ed io ormai ne ero strapiena!

PicsArt_06-16-11.48.50

Amo il riciclo creativo e sono convinta che tutto si può riutilizzare e reinventare con fantasia. Perciò con l’aiuto della mia amica Anna, grande appassionata di handmade bijoux, abbiamo ideato, sulla base delle dimensioni del tessuto a disposizione, delle pochette con tracolla e pietre dure.  Ci siamo ispirate alle carpet bag, cioè a quelle borse che ricordano i tappeti e la tappezzeria di casa, come queste:

PicsArt_06-16-11.56.28.jpg
Carpet bag sul web

Le loro origini risalgano addirittura al 1860 quando negli Stati Uniti i vecchi tappeti si usavano  per creare delle borse indistruttibili da viaggio, proprio come la mitica borsa magica di Mary Poppins, ve la ricordate

PicsArt_06-16-11.58.06.jpg

Alcune addirittura si potevano slacciare e si trasformavano in coperte da viaggio.

Per rende le nostre “carpet pochette” un po’ più consistenti, abbiamo usato della teletta termoadesiva per i colletti delle camice e della fodera in nouance con i colori e le fantasie damascate scelte. Poche e semplici cuciture dritte e il  tutto si realizza in breve tempo.

FB_IMG_1496348242917
Le nostre carpet pochette prima dello step finale

Per la parte decorativa ci ha pensato Anna, abbinando catene, cordoncini e  pietre in tinta.

FB_IMG_1497606427549.jpg

Per noi donne, credo siate d’accordo, le borse non sono mai abbastanza. Ne abbiamo una per ogni occasione e di tutte le dimensioni. Perché ogni borsa deve adattarsi anche al nuovo vestito o alle nostre scarpe preferite. Quelle che vedete in foto sono tutte quelle realizzate:

FB_IMG_1497381014927.jpg

Dopotutto cosa si adatta meglio ad un outfit nuovo di zecca se non una deliziosa borsetta handmade?

A presto 😉

Questioni di creatività “seriale”

Ciao a tutti, negli ultimi tempi continuo a chiedermi, creativi si nasce o si diventa? La creatività è uno stile o un modo di essere? Ho provato a fare una breve ricerca per soddisfare questa curiosità, anche perché è da un po’ che sono diventata “hobbista seriale“.

Secondo gli esperti, definire la creatività in poche righe pare sia difficile. La conferma arriva, infatti, da quanto è emerso nel congresso annuale della Società di neuroscienze del 2013 a San Diego:  “la creatività sarebbe un processo ancora più complesso dell’intelligenza, un fattore personale che conduce alla realizzazione di idee nuove, originali, innovative, capaci di apportare beneficio, soddisfacimento di un bisogno, risoluzione di un problema“. Dunque sembrerebbe che nel nostro cervello, non esista un’area specifica “fonte di idee originali“, così come avviene per altre funzioni celebrali dalle cui scaturiscono azioni specifiche. L’atto creativo resta qualcosa di individuale anche quando si esprime in una dimensione collettiva (come ad esempio nel campo della ricerca medico-scientifica o in ambito artistico, teatrale o cinematografico) ed è prerogativa non solo di un talento naturale, ma anche di fatica, fortuna. Alla base c’è un ingrediente segreto: la passione.

cerv.jpg

Quando un’idea prende vita, il percorso più entusiasmante è la motivazione verso l’obiettivo e per quello che si sta per realizzare. Quindi la creatività è in ognuno di noi, forse sepolta, sottovalutata, ma se scaviamo, c’è. Talvolta abbiamo paura addirittura di esprimerla, ma risvegliarla e farla crescere è anche frutto di impegno e tempo.

Questo è quello che è capitato  a me. Da sempre dedico il tempo libero a conoscere e sperimentare il campo dell’ handmade. Quando poi ho scoperto Pinterest (pin=puntina o to pin=appuntare e interest=interesse),  il social sbarcato in Italia nel 2012, il mondo delle idee si  spalancato ed è diventato a portata di clik. Creare un bacino virtuale che offra una così ampia panoramica su interessi e tendenze, è stata una vera genialata!

thO9O3LTAZ

Basta inserire delle parole chiave, meglio ancora se in lingua inglese (io di solito uso DIY=D0 It Yourself, Decorations=decorazioni, Flowers=fiori, sew creative=cucito creativo, Handmade=fatto a mano, Home decor, découpage ecc.), ed inizia il viaggio tra milioni di immagini sull’argomento scelto. Si vedono comparire infinite bacheche tematiche dentro le quali si può iniziare a perdersi e ad entusiasmarsi allo stesso tempo. Tutto contribuisce a creare nuove fonti di ispirazione e l’universo di input, porta a navigare quasi senza sosta. Ispirarsi certo è una buona cosa, ma bisogna farlo con astuzia. Copiare risulterebbe eccessivo, meglio quindi rielaborare seguendo il proprio estro, per creare con uno stile che ci rispecchi.

Per  tenere traccia di tutto quello che ci piace sul web e non perdere nulla, niente di più facile che iscriversi dunque a Pinterest, iniziando a creare le proprie bacheche personali a tema. “Pinnare” tutte le immagini scelte e condividerle con il mondo è diventato ormai il mio passatempo preferito.  Questa è la mia grande bacheca che cresce di giorno in giorno e si arricchisce anche delle mie creazioni:

PicsArt_05-09-10.04.19.jpg
Un mix delle mie bacheche

 

Ogni volta che scopro una tecnica nuova, un trend di stagione che mi interessa, una ricetta di cucina, non resisto, ed eccomi pronta a navigare. Direi che sono diventata una dal “pin” facile!

E voi amici? Che ne pensate? Siete dei “serial pinner” come me?

A prestissimo 😉

Irresistibile stile Zakka

Ciao a tutti! Eccomi reduce dalla settimana post Pasqua, impegnativa e come sempre all’insegna dei piaceri della tavola e della compagnia di tutta la famiglia.

Dunque, una breve pausa dalla routine quotidiana, ma eccomi già da qualche giorno all’opera con nuovi progetti. Poco più di un anno fa, proprio nel periodo pasquale, sostituivo, seppur a malincuore, la mia prima macchina da cucire automatica Pfaff per acquistare la nuova Necchi Zakka N510 elettronica firmata da Emanuela Tonioni (sono una sua grande fun). L’ho personalizzata da subito con gli stickers in dotazione, e ad oggi mi accompagna fedelmente nelle mie ormai continue “evoluzioni creative”.

PicsArt_04-19-09.53.41
La mia Necchi Zakka N510

E’ proprio alla nota protagonista di tanti tutorial  di cucito creativo della trasmissione Detto Fatto, su Raidue, che si deve l’introduzione in Italia dello stile Zak-ka, un tipo di design e tecnica creativa caratterizzata dall’unione di colori e fantasie in coordinato.

Da quando ho esplorato il mondo di questo delicato ed irresistibile stile, tutti i miei progetti ne sono fortemente influenzati, anche perché mi ricorda moltissimo il mondo di Holly Hobbie che da bambina adoravo. Ho scoperto che da qualche anno “lo Zak-ka” è diventato un vero e proprio mood, capace di fare tendenza. Arrivato dal lontano Giappone, si è diffuso rapidamente in tutta l’Asia influenzando il design, l’arredamento, la casa, l’artigianato, la moda che lo ha interpretato in maniera particolare, dando vita ad abiti comodi e pratici, dai colori e tessuti naturali impreziositi con bottoni di legno o cocco, pizzi, ricami, toppe e piccoli nastri.

PicsArt_04-19-09.28.54
Moda Zakka

La traduzione letterale è: “Zak-ka” (in inglese “many things“, in italiano “molte cose”). La sua filosofia si basa sulla fusione di tutta una serie di elementi decorativi frutto in primis di un processo produttivo artigianale ispirato alla natura, al vintage, al retrò. Più in generale esprime il concetto di “cosa piacevole, che dona benessere”. I materiali che ne sono protagonisti sono la carta, il cotone, il legno chiaro o scuro, la lana, il lino. Il suo fascino risiede soprattutto nel piacere di realizzare in maniera artigianale piccoli oggetti, utili per le necessità di tutti i giorni e addirittura per migliorare la qualità della vita.

 La cura dei dettagli lo rende unico ed inconfondibile, così come la scelta dei colori tenui e neutri che conferiscono un’aria naif. Il più noto artista giapponese di questo stile è Shinzi Katoh che lo riproduce dalle illustrazioni per bambini ed adulti ad una serie di accessori e complementi per  l’ home decor  e la cartoleria. Tra gli elementi più utilizzati da decorare, vasetti di vetro riciclato, bambole matrioska, oggetti d’epoca, piante, cestini, quaderni.

PicsArt_04-19-09.29.51
Stile Zakka

Questo stile si è declinato alla perfezione anche in una delle tecniche artigianali più in voga degli ultimi anni: il cucito creativo. I progetti che si ritrovano sul web sono ricchi di piccoli particolari (bottoni, etichette, nastrini, pizzi) che donano un aspetto tenero e buffo, addirittura un po’ infantile.   Puntaspilli, porta cucito, astucci, porta bicchieri, svuota tasche, pochette, i più gettonati accessori handmade.  Lo stile francese si è poi unito con lo “Zak-ka” per dare un tocco chic. I materiali prediletti sono  generalmente il lino (soprattuto grezzo) e  il cotone, puntando sull’abbinamento di stoffe in coordinato, con fantasie floreali, minute (quadretti, pois, righine), dai toni pastello. Il tutto viene impreziosito dall’impiego della tecnica del patchwork, dai ricami a mano o a macchina o da altre decorazioni aggiuntive. Tra le tecniche di cucito più impiegate, l’appliqué a mano o a macchina e lo sketch applique (più complesso, ma dall’effetto unico).

Tra le riviste di cucito dedicate a questo orientamento creativo la mia preferita è Zakkalicious, Lumina edizioni, curata dalla stessa Emanuela Tonioni. I miei ultimi lavori sono ispirati quasi tutti da tanti progetti illustrati passo passo e da subito hanno incontrato il gusto di tutti:

PicsArt_04-19-10.00.06
Progetti Zakka

Tra le ultimissime creazioni ci sono anche delle tovagliette all’americana, in appliqué e ricamo a macchina che poi ho plastificato, in modo da renderle impermeabili, con un foglio di Iron-on vinyl , facile e comodo da utilizzare con l’aiuto del ferro da stiro. Ecco il risultato:

PicsArt_04-20-02.33.03

PicsArt_04-20-02.33.42
Tovagliette americane Zakka

Spero che questo post vi abbia incuriosito e spinto magari a cimentarvi in questa tecnica creativa. Questo il link dove potrete approfondire di più, ma naturalmente ne troverete tanti altri sull’argomento come questo ad esempio. Tra le letture che mi propongo di acquistare eccone tre che non mi lascerò sfuggire: Zakka-Style Gifts di Cecilia Hanselmann, Zakka Style di Rashida Coleman-Hale e Zakka Handmades di Amy Morinaka.

A prestissimo!