La creatività non può andare in vacanza!

Riposo e relax all’aria aperta tra montagna e mare é stata la formula giusta per ricaricarmi, ma la fantasia e la creatività non sono di certo andate in vacanza, anzi, è proprio in questi momenti, secondo me, che con la mente libera dal tran tran quotidiano, nascono le mie ispirazioni migliori.

La mia adorata macchina da cucire Necchi  Zakka, insieme ai libri e alle riviste dedicate al fai da te, sono rimaste tutte al loro posto nella mia craft room, così come perline, telaio, pittura e pennelli,  poco pratici da portare.  E allora cosa mettere in valigia per soddisfare l’irrefrenabile voglia di creare? Tantissimi i kit in commercio contenenti tutto l’occorrente per piccoli lavori fatti a mano, ma stavolta ho deciso di cambiare strategia e lasciare che un quaderno con delle pagine bianche mi facesse “da compagno” insieme a pastelli, pennarelli e penne colorate, per provare a costruire una bozza del mio primo bullet journal.

maxresdefault.jpg

Per chi non conosce cosa sia, si tratta in realtà di un metodo che, utilizzando fantasia, organizzazione e colori, consente di personalizzare, attraverso disegni e testi, una pagina bianca che potrebbe poi trasformarsi in una vera e propria forma di espressione artistica. Si ispira al ben noto diario segreto. Chi di noi non ne ha mai avuto uno?  Nonostante la preponderanza dei socials, sembra essere una consuetudine non andata del tutto perduta per fortuna! Anzi tante ragazze continuano a tenere un diario (come ai tempi della mia adolescenza) per riporre al sicuro le foto dei propri beniamini (cantanti, calciatori o divi del cinema) accanto a sensazioni ed emozioni dell’adolescenza. Io ancora oggi ne conservo alcuni e sfogliandoli, di tanto in tanto, mi concedo un tuffo nel passato.

Oggi, il classico diario, si è in qualche modo evoluto lasciando spazio, tra le sue pagine, ad una codifica del tempo, trasformandosi in un’agenda creata da zero, in cui tenere sotto controllo appuntamenti, pensieri, lavoro, obiettivi, attività quotidiane. Per qualcuno diventa un vero e proprio esercizio di scrittura e di colorazione. Il bullet journal sta spopolando, infatti, insieme al cosiddetto adult colouring (un modo per ritrovare la propria fantasia e creatività, allentando lo stress e lasciandosi guidare dalle sensazioni del momento attraverso i colori, senza dover possedere alcuna dote artistica) e all’ hand lettering (lo studio e la riproduzione di nuovi caratteri, lettere, numeri, punteggiatura, con una particolare forma).

Ho quindi pensato di iniziare a documentarmi e capire come procedere per creare il mio “manuale quotidiano” ideale. Primo step, munirsi di un semplice quaderno economico e funzionale con la copertina o una più professionale e costosa agenda vuota con fogli a righi, quadretti o puntini (tipo Moleskine,  Leuchtturm ) in vari formati.

IMG_2920.png

moleskine-classic-large-squared-notebook-5-x-8.25-mbl15-1.jpg

Importante la scelta dei pastelli (per chi se la sente ed ha tempo di disegnare), pennarelli, brush pens (penne con punta speciale per chi vuole cimentarsi anche nell’ hand lettering) e soprattutto di penne colorate per stabilire un colour coding (una simbologia per tutte le attività che desideriamo riportare). Tante le marche in commercio che ne propongono di bellissime e dal tratto più o meno fine (Stabilo, Staedler, Faber Castel). C’è davvero l’imbarazzo della scelta! Io per ora ho preso questi strumenti base Stabilo ed altri economici per provare :

PicsArt_08-22-02.35.47

Nella fase iniziale della progettazione c’è tutto un lavoro di codifica standard fatto di simboli (in gergo di Keys), di messa a punto dell’index (cioè un indice in cui riportare in maniera dettagliata  il numero e la corrispondenza delle varie pagine che si andranno a riempire), di scelta di un elemento grafico da riportare per i vari mesi (tutto questo lo sto ancora studiando). Comodo stabilire un daily log, un montly log o un  future log (ossia la vista generale giornaliera su giorno, mese ed anno, in cui indicare impegni, cose da fare già definiti) e delle collection (ossia delle liste di vario tipo) in cui appuntare delle note.

PicsArt_08-22-01.30.49.jpg

Quindi, facendo capo alla nostra organizzazione mentale (scadenze, appuntamenti, appunti, finanze ecc), si può trasformare, per chi ha tanto estro e tempo, ogni azione in tanti piccoli disegni o  provare a ricreare una illustrazione dell’intera giornata. Il bello è che ogni mese si può cambiare impostazione, adattarlo come più ci piace in base alle  esigenze del momento, affinché tutto si trovi poi magicamente a posto. Insomma, a parte gli steps di base, niente regole, ma solo la nostra personale originalità.

Ho iniziato a sperimentare creando un mandala sulla prima pagina.

PicsArt_08-22-02.44.33.jpg

Poi mi sono lanciata nella progetta del mese di Agosto 2017 (tanto per essere in tema) giusto per prendere dimestichezza e per fare le prime prove.

Poi acquisterò  un’agenda puntinata e di buona qualità per iniziare con Settembre 2017 e man mano stabilirò meglio i contenuti, seguendo anche i suggerimenti dei tanti youtuber che ci accompagnano con il “plan with me” (pianificazione mensile).

I miei preferiti:

Non mi resta che usare questa mia personalissima “tavolozza” per dare libero sfogo alla fantasia,  mantenendo così un filo diretto con la creatività. Vi terro’ aggiornati su quanto riusciro’ a creare. Buone proseguimento di vacanze a tutti o buon rientro per chi e’ gia’ a lavoro! A presto 😉

Annunci

Un centrotavola…in festa!

Quando arrivano le ricorrenze bisogna imparare a giocare d’anticipo. Una strategia che ormai sto cercando di fare mia da quando seguo i tanti crafters dai quali prendo spunto. I progetti creativi, in qualunque tecnica siano realizzati, devono essere progettati anche fuori stagione, o almeno settimane o addirittura mesi prima, così da evitare di essere presi dall’ansia di fare tutto in fretta, spesso con risultati poco soddifacenti.

Quindi, stavolta ho “programmato”, con lauto anticipo, la creazione di quello che sarebbe stato il mio centrotavola della ormai prossima Pasqua 2017. Per me è un rito vero e proprio in generale, in tutte le ricorrenze, occuparmi di apparecchiare la tavola a tema festoso, anche perché ho sempre con me l’intera la famiglia. Adoro, quindi, dedicarmi ad inventare ogni volta uno stile semplice, originale, ma d’effetto, per stupire i miei commensali.

E così, mentre i colori e i profumi della Primavera appena entrata iniziavano ad invadere la casa come una ventata d’aria nuova…

FB_IMG_1490551580006

…mi sono messa all’opera. Per prendere idee sono andata subito su Pinterest e mi sono creata una bacheca per l’occasione, dove ho iniziato a “pinnare” tutto quello che poteva essere utile. Potete trovarla qui e dargli un’occhiata.

PicsArt_03-26-08.08.09

L’idea a cui mi sono ispirata è stata, alla fine, quella dell’Albero di Pasqua. A quanto pare è una consuetudine del Nord Europa, precisamente tipica della Scandinavia. Questo simbolo di prosperità e rinascita sembra proprio che ormai ci stia contagiando, un po’ come è accaduto per la ricorrenza di Halloween. E così ho deciso di sperimentarne una versione tutta mia, sottoforma di centrotavola.

Per avere un consiglio pratico su quali rami o pianta usare, mi sono rivolta subito al mio fioraio di fiducia. Questa è stata la sua proposta:

PicsArt_03-29-04.36.38.png
Arbusto decorativo

 

Pare sia una pianta arbustiva non ben specificata che, in occasione della potatura, viene poi trasformata a scopo decorativo. Mi è piaciuta subito e, nonostante le sue dimensioni, l’ho acquistata a buon prezzo. Ora non restava che valorizzarla e renderla allegra con i classici protagonisti assoluti della tradizione pasquale: uova, coniglietti, ovette, fiori con colori pastello (io adoro il giallo, il verde acido, l’arancio).

Sono andata a tirare fuori dai miei scatoloni tutto il materiale da home decor che avevo già a disposizione (pittura acrilica, chalk paint, pennelli, colla vinilica, filo di nylon, nastrini, spago da cucina, colla a caldo). Un giro poi tra le bancarelle ed i negozi specializzati in scrapbooking e belle arti per reperire altro materiale (piccoli dettagli in legno, nastro adesivo in tessuto decorato, ovette in polistirolo, carta di riso, tovaglioli per découpage) ed eccomi subito all’opera nel mio tempo libero.

PicsArt_03-29-04.45.36.png
Materiale lavoro (acrilico, tovaglioli di carta, carta di riso)

 

Man mano che terminavo di dipingere alcuni dei dettagli in legno per poi passare al découpage delle ovette, ho sistemato pezzo dopo pezzo le varie decorazioni per ottenere un aspetto uniformemente colorato.  Ecco il risultato:

PicsArt_03-29-04.11.24
Centrotavola “albero di Pasqua”

 

Che ne dite? Spero vi piaccia. Non vedo l’ora di metterlo in tavola e vedere l’effetto finale che farà. Dimenticavo, per dare al tutto un tocco ancora più personale, ho realizzato un progetto “morbidoso” della rivista “A tutto cucito” book magazine Lumina edizioni: la tenera leprotta Milly.

PicsArt_03-29-04.14.55
Leprotta Milly realizzata a mano

 

Trovate qui rivista, cartamodello e spiegazioni passo a passo.

Serena Pasqua a tutti. A prestissimo 😉

Un anno nella “blogosfera”

E’ esattamente un anno fa che nasceva il blog “Il Laboratorio Creativo di Scarlett”. L’idea di creare uno spazio in cui condividere le mie “evoluzioni creative” era in mente da un pò, ma per addentrarmi in quella che si può definire la “blogosfera, ce ne ho messo di tempo. Dovevo affacciarmi in un mondo diverso da quello dei social network, dove è sufficiente postare una foto, aggiungere un breve commento e qualche hashtag, per iniziare ad avere visibilità ed interagire conquistando dei like. Ben consapevole di questo, ho iniziato prima a diventare una brava “blogonauta”, cioè seguire altri blog riguardanti vari argomenti di mio interesse come cucina, moda, design, handmade, per trarre ispirazione. Poi ho fatto tesoro dei consigli in rete di esperti blogger per avere qualche strumento in più con cui migliorare la stesura dei post, capire quante parole minimo usare (perché i motori di ricerca si accorgano dei contenuti!), preparare una scaletta degli argomenti da trattare,  curare con meticolosità il profilo linguistico, valorizzare i contenuti con immagini opportune.  Gestire un blog, quindi, richiede soprattutto costanza, impegno, ricerca continua, passione per quello che si fa. Tutti ingredienti fondamentali.

La scelta di WordPress  in versione hosted gratuita è stato il passo successivo.  Mi è sembrata da subito la piattaforma blogging più adatta alle mie esigenze, dal momento che per prenderne confidenza non bisogna avere conoscenze di codificazione  (io ne sono quasi a digiuno!). Da subito ho iniziato a personalizzare quello che sarebbe diventato il mio spazio attraverso plugin, widget e temi professionali. Giunta a questo punto, non restava che procedere con la scelta di una scaletta dei primi argomenti da trattare. Esattamente un anno fa, l’8 Febbraio 2016, il mio esordio.  Ricordo ancora l’emozione di preparare la bozza n.1 e la soddisfazione di dare quel clik che avrebbe lanciato in rete il post. Dal giorno della pubblicazione l’avrò riletto tantissime volte (è sempre una buona abitudine farlo!).

In questo arco temporale sono riuscita a scrivere abbastanza (anche se non proprio quanto avrei voluto) e con una certa regolarità mensile. Alcuni argomenti trattati sono stati frutto di approfondimento delle tecniche apprese e sperimentate dai miei libri creativi (che continuo a “collezionare” con grande passione) o dalle riviste dedicate al settore del cucito creativo e dell’handmade;  per altri post ho preso spunto da esperienze di viaggio, o semplicemente dalle feste e dalle ricorrenze. Tutto in ogni caso è dettato da una voglia  irrefrenabile di dare vita  a nuovi progetti che siano innovativi o semplicemente reinterpretati, purché rispecchino uno stile “my way“.

Fondamentale è stato portare sempre con me carta e penna (o un dispositivo elettronico) per appuntare, quando possibile, un’idea o uno schizzo, perché l’ispirazione è sempre dietro l’angolo. Seguire le fiere creative della mia zona, o ritagliarmi del tempo per partecipare a dei corsi per perfezionare o provare un nuovo settore creativo, hanno fatto la differenza. Come pure creare delle bacheche personali  su Pinterest, il “catalogo mondiale delle idee” (impossibile resistere a “pinnare” più e più volte al giorno!) o approdare su Facebook ed Instagram I socials hanno rappresentato il mio primo vero trampolino di prova in questo campo, soprattutto per prendere contatti con tante creative nel web e con le varie community.  Il mio percorso è iniziato anche grazie ad una proficua interazione quotidiana con altri bloggers e con i miei primi followers (che ringrazio naturalmente di cuore!) per scambiare idee, opinioni, critiche sui progetti finiti. Questo mi ha spinto ancora di più ad abbracciare sfide creative sempre nuove, allargando i confini del DIY (Do It Yourself) diventando quasi un “hobbista seriale”.

In futuro mi piacerebbe imparare a sfruttare al meglio tutte le potenzialità che un blog può offrire. Il mio sogno nel cassetto sarebbe quello di farlo decollare al punto di decidere di  passare ad una versione self hosted, e perché no,  diventare addirittura una blogger professionistaMa un passo alla volta, tengo bene i piedi per terra! La strada è lunga. Già essere riuscita a districarmi in un campo nuovo e per me pressocchè sconosciuto, è stata una grande soddisfazione. Curiosità e passione saranno, sono certa, la ricetta giusta per guardare lontano.