Bullet journal: secondo semestre 2018

Ciao a tutti, il mese della ripresa e dei buoni propositi è proprio alle porte. Come tutti, credo, provo a vincere la famosa “sindrome da rientro” e tornare alla routine. Per spezzare l’incantesimo delle vacanze, cerco di darmi sempre dei nuovi obiettivi per ripartire con il piede giusto.

In questo mi aiuta tantissimo il metodo di cui via avevo già parlato in un post precedente: il bullet journal, noto anche come metodo agenda a punti. Questo sistema, come affermato dal suo inventore Ryder Carrol: “E′ analogico e ideato per tenere traccia del passato, organizzare il presente e pianificare il futuro„.

A prima vista vi potrà sembrare faticoso, complicato e dispendioso pianificare, personalizzare ed aggiornare nel quotidiano il vostro quaderno, ma poi vi assicuro che, se siete maniaci come me dell’organizzazione, diventerà così un’abitudine ed un’esigenza che avrete la sensazione di gestire il vostro tempo come i pezzi di un puzzle in cui poi alla fine tutte le tessere coincidono. Inoltre potrete, attraverso brevi note, concedervi il privilegio di scrivere di voi stessi e della vostra vita, riconoscendo l’importanza di ogni singolo evento.

Il secondo semestre con il mio bullet Leuchtturm 1917 è stato sempre all’insegna continua della sperimentazione del layout ideale alle mie esigenze e dei vari trackers ovvero delle attività principali (abitudini, routine) o progressi (studio, lettura, attività fisica ecc.).

PicsArt_08-31-05.30.24

Ora che il mio primo bullet è finito, ho acquistato un nuovo quaderno, questa volta uno Scribbles That Matter A5 puntinato Icon version, colore periwinkle blue (già lo adoro!).

Periwinkle_Blue_Front_600x

Sono soddisfattissima soprattutto per la qualità della carta (grammatura 100g/metroquadro) e della sua struttura. Ho subito iniziato a pianificare il mese di Settembre 2018 che ho impostato in maniera più minimal, con il layout ideale per le mie esigenze (dopo tantissime prove), scegliendo  i colori pastello dei Zebra Mildliner  per eventuali titoli o dividers. Ho acquistato anche vari tipi di stickers (che vi mostrerò in un prossimo stationery haul) e mi lascio poi sempre ispirare dai tanti illustatori che seguo su Instagram per quanto riguarda il tema del mese.  Come impostazione generale uso la lingua inglese anche se alcuni stickers sono in lingua francese (così provo ad imparare parole nuove ed a tenermi in allenamento).

PicsArt_08-31-06.00.10

Spero di esservi stata utile e di avervi invogliato a provare. Se avete domande o curiosità a riguardo, non esitate a scrivermi. Sarò felice di condividere con voi quanto appreso e vi mostrerò nei futuri post la pianificazione dei prossimi mesi. Vi lascio con una frase che ho usato come incipit del mio Leuchtturm 1917 che si è rivelata poi proverbiale…

“C’è qualcosa di magico nel fatto di mettere le cose per iscritto. Sicchè fissate un obiettivo e scrivetelo. Quando lo raggiungerete fissatene un altro e scrivete anche quello. Andrete a gonfie vele”.

(R.B. Cialdini)

A presto 😉

 

 

 

Annunci

Stationary haul e non solo, ultimi 3 mesi

Ciao a tutti! Finalmente sono riuscita a portare a termine l′impegno lavorativo conclusosi a giugno, comprese le ultime incombenze burocratiche di questi ultimi giorni. Riesco quindi a rientrare in piena modalità creativa solo ora. Questi mesi di “latitanza dal blog” non sono stati voluti. L′idea di scrivere diversi post non è mancata, ma il tempo è stato tiranno ed ho dovuto dirottarlo su delle priorità a cui non potevo sottrarmi (lezioni, progetti, riunioni, buracrazia varia). Nel frattempo però l′attività creativa non si è interrotta anzi, si è trasformata in gran parte in un lavoro creativo con gli alunni di una delle due scuole presso le quali ho avuto l′incarico. Insieme ad altre colleghe abbiamo partecipato ad un progetto chiamato “A scuola con l’Aquilone” dove ci siamo inventate un laboratorio di riciclo creativo ispirato alla celebre frase del famoso chimico, biologo, filosofo del ‘700 A. L. Lavoisier: “Nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma”. Qui potete trovare le foto di ciò che abbiamo realizzato con carta, cartone, gomma eva, bottoni, plastica ecc. Una bellissima esperienza e un grande impegno per noi e per i ragazzi che ci hanno seguito con entusiasmo fino a maggio.

Riguardo al cucito creativo, tutto è rimasto in standby anche perché la mia Zakka N510 è stata in manutenzione per qualche tempo per tornare veloce ed affidabile come sempre. Intanto, mi sono dedicata in questi mesi ad acquisti per la mia Necchi, per il mio bullet journal, per gli esercizi di handlettering e per la mia nuova passione: i watercolours (acquerelli). Vi lascio quindi foto e descrizioni di seguito con qualche link utile!

PicsArt_07-12-06.37.42

Questa è la mia Necchi con il pianale nuovo di zecca. Mi consente di lavorare con uno spazio maggiore, ottimo soprattutto in fase di freemotion. Il libro che vedete sullo sfondo, mi è stato regalato (evviva!) ed è stato utilissimo sia per approfondire la tecnica sia per acquisire nuovi progetti e cartamodelli.

PicsArt_07-12-01.04.25

Per rendere più colorato il Bullet Journal (Bujo), invece, ho scelto diversi colori pastello dei pennarelli della Tombow, perfetti soprattutto per realizzare scritte grazie alla caratteristica punta a pennello (brush); i righelli in acciaio con diverse mascherine sono molto pratici ed utili per la pianificazione e la creazione di diversi layouts; la fantastica penna stilografica Twisbi Eco si è rivelata un’ ottima compagna di “bella calligrafia”; l’astuccio multitasking (ne ho presi 2) è stato ideale per caricare tutta la mia collezione di cartoleria; il libro “Il metodo agenda a punti”, infine, è stato ottimo per spunti ed idee per il mio Bujo.

PicsArt_07-12-01.00.37

I libri che vedete in foto (facilissimi da reperire o line) sono ottimi per iniziare a prendere confidenza con l′hand lettering. Hanno tanti suggerimenti e sono un′ottima guida, ciascuno a suo modo, per scoprire l’arte della calligrafia. Hanno tanto spazio dedicato agli esercizi e sono ideali per farvi diventare degli impeccabili “grafomani  seriali”.

Direi che come bottino creativo per ora può bastare, ma la lista è ancora lunga e alcuni acquisti sono ancora in corso!  Perciò “stay toned” per i prossimi aggiornamenti. A prestissimo…stavolta 😉

Brush lettering “mania”: come ho iniziato

Ciao a tutti! La calligrafia è sempre stata una delle mie passioni. Esercitare questa vera e propria forma d’arte antica (la parola deriva dal greco kàllos, bellezza, e gràphein, scrivere) dà tante soddisfazioni ed è in più la trovo rilassante. Molti dei caratteri usati al giorno d’oggi risalgono addirittura al tempo degli antichi Romani, che per primi trasformarono le lettere dell’alfabeto in arte grafica.

Non importa avere una bella grafia per iniziare a sperimentare, perché la tecnica si può imparare a prescindere dal modo di scrivere. L’attrezzatura di base prevede pennini di diversa misura, inchiostro liquido, carta di buona qualità, ma di bassa grammatura. Se invece ci si accosta allo stile calligrafico moderno e creativo oggi più noto come  hand lettering (studio di nuovi caratteri con forma particolare), allora gli strumenti si sono evoluti. Il mercato offre infinite possibilità tra penne e pennelli. Ma per iniziare in modo economico, come ho fatto io, una matita HB (standard usato perché ha una mina più dura che facilita la rimozione), un righello ed una buona gomma da cancellare sono sufficienti.

Facendo un po’ di pratica su vari font presi anche da Word ho ottenuto buoni risultati, ma non del tutto soddifacenti. Allora mi sono documentata in rete, dove è possibile spaziare  dai vari siti di calligrafia ai blogger e vlogger  più esperti. Ho scoperto un mondo che non conoscevo e, per esplorarlo a dovere, ho acquistato libri dedicati al lettering creativo. Due in particolare sono quelli che mi hanno subito convinta. Sono facilmente disponibili on line e sono davvero completi di tutto.

bty

Dopo un’attenta lettura sono passata a seguire le fasi di creazione step by step con gli esercizi di base sui fogli guida. Ma come ogni arte, ho dovuto attrezzarmi con gli strumenti giusti suggeriti. Tra i miei preferiti la Brush pen, strumento di calligrafia versatile, scorrevole e divertente.

bty
bty

Si tratta di una penna che simula il pennello, dotata di una punta sintetica e reperibile in diverse grandezze e colorazioni, non semplicissima da usare per chi è alle prime armi, ma estremamente performante una volta appresa la tecnica (è molto suscettibile alla pressione della mano, come avviene con i pennelli). Ne esistono di vari spessori a seconda di che tipo di scritta si voglia realizzare. Io ho scelto le Tombow.

E’ bastato poco tempo, ma tanto esercizio, perché iniziassi a memorizzare i vari font base. Ho sperimentato anche sul mio  bullet journal ed in questi giorni mi sono divertita a realizzare dei segnaposto personalizzati per la tavola di Pasqua.

PicsArt_03-30-06.41.30

In un prossimo post vi racconterò del mio “bottino” di cancelleria, dei nuovi progressi e degli strumenti preferiti del mese, parte dei quali sono ancora in arrivo e no vedo l’ora di provarli! Quindi stay toned, se vi fa piacere.

Auguri di una serena Pasqua a tutti ed a prestissimo!