Un centrotavola…in festa!

Quando arrivano le ricorrenze bisogna imparare a giocare d’anticipo. Una strategia che ormai sto cercando di fare mia da quando seguo i tanti crafters dai quali prendo spunto. I progetti creativi, in qualunque tecnica siano realizzati, devono essere progettati anche fuori stagione, o almeno settimane o addirittura mesi prima, così da evitare di essere presi dall’ansia di fare tutto in fretta, spesso con risultati poco soddifacenti.

Quindi, stavolta ho “programmato”, con lauto anticipo, la creazione di quello che sarebbe stato il mio centrotavola della ormai prossima Pasqua 2017. Per me è un rito vero e proprio in generale, in tutte le ricorrenze, occuparmi di apparecchiare la tavola a tema festoso, anche perché ho sempre con me l’intera la famiglia. Adoro, quindi, dedicarmi ad inventare ogni volta uno stile semplice, originale, ma d’effetto, per stupire i miei commensali.

E così, mentre i colori e i profumi della Primavera appena entrata iniziavano ad invadere la casa come una ventata d’aria nuova…

FB_IMG_1490551580006

…mi sono messa all’opera. Per prendere idee sono andata subito su Pinterest e mi sono creata una bacheca per l’occasione, dove ho iniziato a “pinnare” tutto quello che poteva essere utile. Potete trovarla qui e dargli un’occhiata.

PicsArt_03-26-08.08.09

L’idea a cui mi sono ispirata è stata, alla fine, quella dell’Albero di Pasqua. A quanto pare è una consuetudine del Nord Europa, precisamente tipica della Scandinavia. Questo simbolo di prosperità e rinascita sembra proprio che ormai ci stia contagiando, un po’ come è accaduto per la ricorrenza di Halloween. E così ho deciso di sperimentarne una versione tutta mia, sottoforma di centrotavola.

Per avere un consiglio pratico su quali rami o pianta usare, mi sono rivolta subito al mio fioraio di fiducia. Questa è stata la sua proposta:

PicsArt_03-29-04.36.38.png
Arbusto decorativo

 

Pare sia una pianta arbustiva non ben specificata che, in occasione della potatura, viene poi trasformata a scopo decorativo. Mi è piaciuta subito e, nonostante le sue dimensioni, l’ho acquistata a buon prezzo. Ora non restava che valorizzarla e renderla allegra con i classici protagonisti assoluti della tradizione pasquale: uova, coniglietti, ovette, fiori con colori pastello (io adoro il giallo, il verde acido, l’arancio).

Sono andata a tirare fuori dai miei scatoloni tutto il materiale da home decor che avevo già a disposizione (pittura acrilica, chalk paint, pennelli, colla vinilica, filo di nylon, nastrini, spago da cucina, colla a caldo). Un giro poi tra le bancarelle ed i negozi specializzati in scrapbooking e belle arti per reperire altro materiale (piccoli dettagli in legno, nastro adesivo in tessuto decorato, ovette in polistirolo, carta di riso, tovaglioli per découpage) ed eccomi subito all’opera nel mio tempo libero.

PicsArt_03-29-04.45.36.png
Materiale lavoro (acrilico, tovaglioli di carta, carta di riso)

 

Man mano che terminavo di dipingere alcuni dei dettagli in legno per poi passare al découpage delle ovette, ho sistemato pezzo dopo pezzo le varie decorazioni per ottenere un aspetto uniformemente colorato.  Ecco il risultato:

PicsArt_03-29-04.11.24
Centrotavola “albero di Pasqua”

 

Che ne dite? Spero vi piaccia. Non vedo l’ora di metterlo in tavola e vedere l’effetto finale che farà. Dimenticavo, per dare al tutto un tocco ancora più personale, ho realizzato un progetto “morbidoso” della rivista “A tutto cucito” book magazine Lumina edizioni: la tenera leprotta Milly.

PicsArt_03-29-04.14.55
Leprotta Milly realizzata a mano

 

Trovate qui rivista, cartamodello e spiegazioni passo a passo.

Serena Pasqua a tutti. A prestissimo 😉

Una craft room “quasi” perfetta!

Buon lunedì a tutti!

Siete appassionati come me di handmade? Bene, allora sapete quanto sia importante avere un angolino super organizzato, una craft room (craft=artigianato, room=stanza) o stanza degli hobby, confortevole e funzionale, per riporre tutto (o quasi) in ordine.

Da quando riesco a dedicare un po’ più di tempo alla creatività, idee e nuovi  progetti spuntano come funghi.  Libri e riviste del settore iniziano ad accumularsi in maniera smodata (così come materiali, strumenti ed accessori da crafter).  Mi succede, quindi, di ritrovarmeli in giro ovunque, perché ogni momento di relax può essere quello giusto per leggere e prendere spunto. E così in casa regna il caos. Meglio correre ai ripari prima di rischiare di invadere ogni angolo, mi sono detta! Quindi, parola d’ordine, “riorganizzare”.  Ma da dove iniziare?

punto-interrogativo-1

Come primo step, meglio scegliere un luogo della casa confortevole e discreto dove poter sistemare tutto l’occorrente per i propri lavori. Una volta fatto questo, si può passare alla fase 2 (per me in corso dalla scorsa settimana), cioè quella in cui stilare un elenco di tutti i materiali, strumenti, accessori, accumulati in giro tra negozi e fiere del settore, per avere idee chiare su come riporli con un certo criterio. Ho approfittato dello scorso week end per passare all’azione e fare acquisti mirati e rigorosamente low coast. Vi racconto un po’ come mi sono regolata e spero di darvi qualche suggerimento o quantomeno qualche spunto.

Idee per riporre le minuterie

L’ideale per perline, minuterie varie (bijoux, bottoni, occhielli) e piccoli ritagli di feltro fustellati sono dei contenitori in plastica trasparenti con chiusura clic clac, per evitare di rendere complicata la ricerca del pezzo giusto ogni volta. In questo modo, si ha tutto a vista nei vari scomparti. Per il materiale di merceria (passamanerie, nastri, pizzi, elastici, sbiechi, clips) e per i diversi piedini per la macchina da cucire, ho scelto una cassettiera grezza di Ikea che ho poi dipinto con acrilico bianco e personalizzato. Cotone e vari nastri (di carta e adesivi) li ho incastrati in un telaio per la lana. Per i bottoni (ne ho tantissimi!!), invece, ho scelto alcuni barattoli in vetro a chiusura ermetica.

2017-10-3--17-50-04.jpeg

Puntaspilli imbottiti a forma di fiore, realizzati in pochissimo tempo (tra i primi esperimenti di cucito!), sono stati indispensabili. Gli aghi invece li ho messi in un innovativo contenitore animato (Nadel Twister) della Prym; funziona come un rossetto ed ha alla base un magnete che consente di disporre a ventaglio tutte le misure, per una scelta più agevole. Per le spolette invece, ho messo in pratica un’idea scovata sul web e le ho incastrate in dei separadita da manicure. Curioso vero? Vi assicuro che sono molto funzionali per lo scopo. Provate!

2017-10-3--16-34-42

Idee per ordinare la cancelleria

Da sempre, adoro utilizzare le tazze da latte per riporre penne, matite, pennarelli. Ma,  comunque, ogni contenitore può essere consono allo scopo, come dei barattoli di latta da riciclare. Una memoboard magnetica mi ha aiutata, invece, a tenere sempre in primo piano appunti di lavori in corso e post it.

2017-10-3--17-33-16.jpeg

Idee per sistemare stoffe e materiali creativi

Per mettere in ordine le miriadi di scampoli di stoffa, mantenendo a vista i potenziali abbinamenti, ho optato per dei contenitori in cartone di Ikea. Ma trovo ottimo il suggerimento di Emanuela Tonioni su  come piegare le stoffe, se disponete di uno spazio adatto. Lana, ferri ed accessori per la maglieria li ho sistemati in contenitori di tessuto con cerniera, in modo da richiudere il tutto e mantenerli al riparo dalla polvere. Fliseline ed altri materiali affini sono per ora ancora in fase di organizzazione, mentre riviste e ritagli di giornali sono tutti negli appositi raccoglitori rigidi, comodi e facili da riporre. Infine, ho usato qualche chiodino da parete per mettere esposti i miei primi prototipi (ne vado orgogliosa!) ed alcune mensole per accogliere la mia collezione di libri di arti creative.

2017-10-3--17-24-44

E’ stato un fine settimana impegnativo e per ora posso dirmi soddisfatta…ma il mio sogno sarebbe avere un un armadio che si richiuda nascondendo tutto quanto, come questa Workbox 3.0.

workbox3

Fantastica, non trovate?

Intanto che questa soluzione si concretizzi un giorno (magari trovo un bravo falegname in grado di riprodurla), vi mostro come ho arredato il mio angolino home-made “ritagliato” nella stanza degli ospiti (ormai il mio “regno” creativo).

2017-10-3--18-06-29.jpeg

 Che ne dite? Certo non sarà perfetto, manca ancora qualcosina, ma vi assicuro che è molto comodo. Indispensabili sono stati almeno due elementi della mia vecchia cameretta, cioè la scrivania, ormai punto fisso di appoggio per la mia “adorata” Zakka N510 Necchi ed alcune mensole. Peccato che abbia dovuto poi aggiungere a parte un ulteriore piano di lavoro per la plancia da taglio (50x60cm).

2017-10-3--19-32-38.jpeg

E voi? Come avete organizzato il vostro angolino degli hobby? Sono curiosa di sapere. Buona settimana creativa a tutti.

Una tecnica affascinante: l’appliqué

Benvenuti ancora nel mio blog.  Oggi inauguro il mio primo post dell’anno parlandovi di cio’ che finora ho appreso di una tecnica che, probabilmente, chi e’ appassionato come me di cucito creativo, conosce gia’ o almeno una volta l’ha sperimentata. Per voi che invece state muovendo i primi passi nel fantastico mondo fatto di ago, filo e macchina da cucire e cercate un modo unico per esprimere la vostra creativita’, allora questa e’ la tecnica che fa per voi!

Origini della tecnica

Il termine applique’ deriva dal francese appliquer, cioe’ “applicare” e nacque dall’esigenza di rammentare i vestiti o coperte usurate. Consiste nel collocare un pezzo di tessuto precedentemente sagomato, sopra o all’interno di un altro, per poi procedere ad una cucitura a mano (come in uso in passato) o a macchina (apartire dal 1846 in modo piu’ veloce). Oggi l’applique‘ si puo’ considerare una vera e propria forma d’arte molto versatile, dove l’inventiva ed il tocco personale sono le prerogative che la caratterizzano.

Tessuti, filati, punti e supporti

Il primo step per iniziare, e’ imparare a scegliere i tessuti giusti per un lavoro pulito e preciso, fin dal primo approccio. I tessuti 100% cotone sono ideali perche’ si risvoltano bene, non sfilacciano troppo, hanno una vasta gamma di colori e fantasie abbinabili, sono adatti al lavaggio. Per chi diventa poi esperto, puo’ osare con tessuti come sete, velluti, feltro, ad esempio.

Per quanto riguarda i filati, e’ preferibile scegliere quelli sottili da cucito n. 50 o 60 nei colori uguali o intonati con il tessuto, se si lavora a macchina, mentre un filato piu’ decorativo, di un numero superiore (tipo da ricamo, perlato o metallico) se si decide di rifinire il lavoro a mano e rendere la bordatura piu’ visibile.

I punti utilizzati per questo tipo di lavoro sono vari e conferiscono effetti più o meno in rilievo. Se si ha una buona macchina da cucire, le impostazioni vanno regolate sul punto festone (il punto piu’ pratico e tradizionale anche a mano) che prevede una spaziatura abbastanza ravvicinata. Se si preferisce nascondere i fili, il punto zig zag o il punto pieno, invece, sono i piu’ indicati. Conviene, in ogni caso, fare sempre delle prove sia per trovare la lunghezza e l’effetto desiderato, sia per valutare l’effetto finale. Altri punti consentono di lasciare volutamente i margini non rifiniti, come il punto filza (lungo ed intermittente) o il sottopunto o punto d’orlo. 

PicsArt_01-18-12.49.48.jpg
In alto punto zig zag, in basso punto festone a mano

A rendere piu’ facile l’esecuzione della tecnica anche per i principianti, ci sono i supporti. Il piu’ geniale e facile da usare e’ il supporto termobiadesivo o fliselina (Vliesofix), formato da uno strato di adesivo ultrasottile. Si acquista in rotoli o a metraggio. Una volta disegnato il motivo o la figura da applicare con un pennarello, si ritaglia in modo grossolano la carta, con un minimo di margine, e si applica sul rovescio della stoffa. A questo punto, con l’aiuto di un ferro da stiro a secco, l’adesivo fonde e rimane saldamente legato.  Si procede poi con il ritagliare la sagoma disegnata in maniera precisa, per poi riporla sul tessuto definitivo dopo aver rimosso la pellicola protettiva, sempre con il calore. Esistono in commercio o online varie marche di supporto di peso leggero, medio, pesante (rende i tessuti piu’ rigidi) con istruzioni diverse, da leggere con attenzione prima dell’uso. Molto conosciuta e’ anche la Freeze paper, caratterizzatata un lato lucido che si puo’ porre verso l’alto o verso il basso. Anch’essa aderisce con il ferro da stiro e, quando e’ usata con il lato lucido verso l’alto, il tessuto resta incollato alla carta, ma non il margine di cucitura che puo’ essere quindi ripiegato, evitando cosi’ sfilacciature.

PicsArt_01-18-12.42.55.jpg
Esempi su come utilizzare il supporto termoadesivo

Le varie tipologie di appliqué

Le tecniche da esplorare nel campo dell’applique‘ sono diverse. Per ciascuna di esse, il primo passo e’ sempre quello di calcolare il tessuto da utilizzare, sia come dimensione che come abbinamento di colori. Gli effetti che si possono creare sono davvero tanti, a seconda di quanto si vogliano mettere in rilievo i particolari. Vi elenco qui alcune delle tipologie che man mano sto imparando a conoscerle meglio (magari provero’ a descriverle in dettaglio in nuovi post successivi):

  • Applique‘ rivoltata, sketch, tridimensionale, persiana, hawaiana, reverse, shadow, inserita, con strisce di sbieco, celtica, shisha.

Insomma, dietro questa particolarissimo modo di decorare, c’e’ davvero un mondo da sperimentare. Al momento sto utilizzando molto lo Sketch appliquè con rifinitura in Free motion. Si tratta sempre dello stesso principio di base, ma la cucitura viene realizzata con un particolare piedino della macchina da cucire munito di una molla, che consente di completare l’applicazione a mano libera, ripassandoci sopra piu’ volte con un colore a contrasto, per un effetto “disegno a schizzo”. Molto veloce e particolare, e’ adatta a tutti i principianti proprio perche’ non e’ richiesta una precisione al millimetro e ci si puo’ davvero sbizzarrire.

PicsArt_01-19-04.44.39.jpg
Dettaglio lavori in sketch applique’

Scelta dei motivi e dei cartamodelli

Qualunque cosa scegliate di riportare sulla stoffa, potete rifarvi ai cartamodelli che trovate nel web o a delle semplici disegni creati da voi. I piu’ comuni motivi usati in genere sono fiori, cuori, stelle, farfalle, animali, foglie. Anche le forme geometriche si prestano benissimo per creare combinazioni che, nel loro insieme, possono dare vita ad un mosaico di stoffa. Le idee e gli spunti si possono reperire anche sui libri dedicati (nella sezione libri troverete qualche mia recenzione), riviste di cucito creativo, o negozi specializzati. L’ispirazione puo’ arrivare all’improvviso, quindi conviene tenere sempre un blocchetto per fare degli schizzi e creare così il vostro personale effetto artistico.

Alcuni miei lavori

Da quando ho mosso i primi passi in questo campo, ho realizzato alcuni progetti per la casa, ma anche per tante amiche e conoscenti. Spero che questo breve excursus sull’aplique‘, vi sia da guida per conoscere piu’ da vicino una tecnica che si fonde alla perfezione con il quilting ed il patchwork, arti conosciute da secoli, ma da sempre reinventate per creare splendidi lavori con la stoffa. In coda al post alcune delle mie creazioni con questa tecnica. A prestissimo!

fb_img_1475586991075
Copriforno in applique a macchina
20170119_174254.png
Casetta in pannolenci con dettaglio in applique’a mano
20170119_175358
Portapannolini con dettaglio in applique’ a macchina
20170119_183127.png
Cuscini cuore con dettaglio applique’ in panno lenci a mano