Un sabato speciale in fiera

Si è concluso ieri il Creattiva, l’evento fieristico nazionale di tre giorni, tenutosi presso la mostra D’Oltremare di Napoli. Puntuale come ogni anno, è l’occasione per tutti gli amanti dell’handmade per curiosare tra i tantissimi stand, prendere contatti con le aziende produttrici ed ispirarsi. I vari corsi relativi alle varie tecniche sono i veri punti di forza e vale la pena concedersi qualche ora di relax per imparare sempre cose nuove.

Per me il Creattiva non è solo una semplice fiera, ma un luogo magico dove poter trovare tutto ciò che serve per soddisfare la propria passione creativa: dai tessuti ai componenti per bigiotteria, dal feltro colorato ai filati, dalla carta al painting, dalle riviste dedicate al fai date ai libri tematici del settore (che ormai colleziono da anni).

Questa volta ho avuto il piacere di fare un corso di Paper piecing con Emanuela Tonioni, tutor di cucito creativo del programma Detto Fatto su Rai due.

IMG_20171113_203634.png

Attraverso il gruppo Facebook “ZakkaBar”, di cui è amministratrice, abbiamo un filo diretto. Qui ci scambiamo le nostre  esperienze con la macchina da cucire da lei firmata (la mitica Zakka N510) e, attraverso questo canale nel web, ho potuto prenotare il corso almeno due mesi prima. Ricevere i consigli e carpire i segreti per la realizzazione di un lavoro finale impeccabile direttamente da una professionista, è stato fantastico!

Avete mai sentito parlare del paper piecing? E’ un’originale tecnica del patchwork, che consente di lavorare con blocchi molto piccoli, per poter creare dei dettagli colorati e figure geometriche particolari con l’ausilio della carta. Quest’ultima poi viene rimossa solo a lavoro finito.

PicsArt_11-13-08.34.48.jpg

Vi consiglio di provarla, specie se come me, avete tanti scampoli di stoffa colorata da riciclare e volete ricreare degli effetti ed abbinamenti di colori molto personalizzati.

Il progetto finale è stata questa pallina in stoffa con al centro un alberello, visualizzabile solo a lavoro finito, impiegando delle semplici figure geometriche:

IMG_20171113_203725.jpg

Anche quest’anno non ho saputo resistere ed ho portato a casa un cospicuo “bottino” di accessori e materiali. La mania di acquistare a prezzi scontatissimi è una cosa difficile da controllare, specie se non si arriva in fiera con idee chiare su quale siano i progetti da voler realizzare. Ora non resta che  mettermi all’opera nel tempo libero. Non vedo l’ora.

A prestissimo 🙂

Annunci

Irresistibile stile Zakka

Ciao a tutti! Eccomi reduce dalla settimana post Pasqua, impegnativa e come sempre all’insegna dei piaceri della tavola e della compagnia di tutta la famiglia.

Dunque, una breve pausa dalla routine quotidiana, ma eccomi già da qualche giorno all’opera con nuovi progetti. Poco più di un anno fa, proprio nel periodo pasquale, sostituivo, seppur a malincuore, la mia prima macchina da cucire automatica Pfaff per acquistare la nuova Necchi Zakka N510 elettronica firmata da Emanuela Tonioni (sono una sua grande fun). L’ho personalizzata da subito con gli stickers in dotazione, e ad oggi mi accompagna fedelmente nelle mie ormai continue “evoluzioni creative”.

PicsArt_04-19-09.53.41
La mia Necchi Zakka N510

E’ proprio alla nota protagonista di tanti tutorial  di cucito creativo della trasmissione Detto Fatto, su Raidue, che si deve l’introduzione in Italia dello stile Zak-ka, un tipo di design e tecnica creativa caratterizzata dall’unione di colori e fantasie in coordinato.

Da quando ho esplorato il mondo di questo delicato ed irresistibile stile, tutti i miei progetti ne sono fortemente influenzati, anche perché mi ricorda moltissimo il mondo di Holly Hobbie che da bambina adoravo. Ho scoperto che da qualche anno “lo Zak-ka” è diventato un vero e proprio mood, capace di fare tendenza. Arrivato dal lontano Giappone, si è diffuso rapidamente in tutta l’Asia influenzando il design, l’arredamento, la casa, l’artigianato, la moda che lo ha interpretato in maniera particolare, dando vita ad abiti comodi e pratici, dai colori e tessuti naturali impreziositi con bottoni di legno o cocco, pizzi, ricami, toppe e piccoli nastri.

PicsArt_04-19-09.28.54
Moda Zakka

La traduzione letterale è: “Zak-ka” (in inglese “many things“, in italiano “molte cose”). La sua filosofia si basa sulla fusione di tutta una serie di elementi decorativi frutto in primis di un processo produttivo artigianale ispirato alla natura, al vintage, al retrò. Più in generale esprime il concetto di “cosa piacevole, che dona benessere”. I materiali che ne sono protagonisti sono la carta, il cotone, il legno chiaro o scuro, la lana, il lino. Il suo fascino risiede soprattutto nel piacere di realizzare in maniera artigianale piccoli oggetti, utili per le necessità di tutti i giorni e addirittura per migliorare la qualità della vita.

 La cura dei dettagli lo rende unico ed inconfondibile, così come la scelta dei colori tenui e neutri che conferiscono un’aria naif. Il più noto artista giapponese di questo stile è Shinzi Katoh che lo riproduce dalle illustrazioni per bambini ed adulti ad una serie di accessori e complementi per  l’ home decor  e la cartoleria. Tra gli elementi più utilizzati da decorare, vasetti di vetro riciclato, bambole matrioska, oggetti d’epoca, piante, cestini, quaderni.

PicsArt_04-19-09.29.51
Stile Zakka

Questo stile si è declinato alla perfezione anche in una delle tecniche artigianali più in voga degli ultimi anni: il cucito creativo. I progetti che si ritrovano sul web sono ricchi di piccoli particolari (bottoni, etichette, nastrini, pizzi) che donano un aspetto tenero e buffo, addirittura un po’ infantile.   Puntaspilli, porta cucito, astucci, porta bicchieri, svuota tasche, pochette, i più gettonati accessori handmade.  Lo stile francese si è poi unito con lo “Zak-ka” per dare un tocco chic. I materiali prediletti sono  generalmente il lino (soprattuto grezzo) e  il cotone, puntando sull’abbinamento di stoffe in coordinato, con fantasie floreali, minute (quadretti, pois, righine), dai toni pastello. Il tutto viene impreziosito dall’impiego della tecnica del patchwork, dai ricami a mano o a macchina o da altre decorazioni aggiuntive. Tra le tecniche di cucito più impiegate, l’appliqué a mano o a macchina e lo sketch applique (più complesso, ma dall’effetto unico).

Tra le riviste di cucito dedicate a questo orientamento creativo la mia preferita è Zakkalicious, Lumina edizioni, curata dalla stessa Emanuela Tonioni. I miei ultimi lavori sono ispirati quasi tutti da tanti progetti illustrati passo passo e da subito hanno incontrato il gusto di tutti:

PicsArt_04-19-10.00.06
Progetti Zakka

Tra le ultimissime creazioni ci sono anche delle tovagliette all’americana, in appliqué e ricamo a macchina che poi ho plastificato, in modo da renderle impermeabili, con un foglio di Iron-on vinyl , facile e comodo da utilizzare con l’aiuto del ferro da stiro. Ecco il risultato:

PicsArt_04-20-02.33.03

PicsArt_04-20-02.33.42
Tovagliette americane Zakka

Spero che questo post vi abbia incuriosito e spinto magari a cimentarvi in questa tecnica creativa. Questo il link dove potrete approfondire di più, ma naturalmente ne troverete tanti altri sull’argomento come questo ad esempio. Tra le letture che mi propongo di acquistare eccone tre che non mi lascerò sfuggire: Zakka-Style Gifts di Cecilia Hanselmann, Zakka Style di Rashida Coleman-Hale e Zakka Handmades di Amy Morinaka.

A prestissimo!